Nessuna Universita' ti dira' mai, come far volare i pinguini.
   
  Linux Club Conversano (BA)
  30.Ago.2008 La storia si ripete
 
La storia è destinata a ripetersi?
(riflessioni su windows Vista)

30.Agosto.2008

lo, confesso, sono uno di quelli che và a spulciare vecchi articoli per vedere se la storia ha dato ragione, o sbugiardato clamorosamente l'esperto giornalista di turno.
Ultimamente mi sono concentrato sugli articoli che 6 o 7 anni fa commentavano la penetrazione sul mercato di un "giovane" windows XP.
Si parlava delle enormi richieste hardware, ci si chiedeva che benefici potesse dare all'utente per giustificare il passaggio, ci si lamentava del costo delle licenze e delle limitazioni della versione XP home e qualche ardito agitava già la bandiera del pinguino; insomma basta cambiare i nomi ai sistemi operativi e sembrano tutti articoli pubblicati oggi su windows Vista...pure la segmentazione del mercato per studiare il fenomeno della migrazione nelle varie situazioni (casa, scuola, piccolo ufficio o multinazionale) tutto perfettamente UGUALE AD OGGI.
Ma, come tutti sanno, 7 anni sono in informatica l'equivalente di un'era geologica.
Allora ho cominciato a riflettere sulle cose che sono realmente cambiate in tutto questo tempo...perchè, diciamolo chiaramente, XP è stato un grande successo commerciale e tutte le Cassandre che pronosticavano il fallimento sono state sbugiardate.
Perchè per windows Vista le cose dovrebbero andare diversamente?
 
Il primo pensiero è la differenza che esiste tra i sistemi operativi nuovi e vecchi in gioco.
Vista deve sostituire windows XP rispetto al quale mantiene gran parte della struttura e  propone pochi veri miglioramenti.  
XP doveva sostituire win98/ME e win2K  
Rispetto ai primi 2 (win 98/ME) XP rappresentava un vero passo avanti sia in termini di usabilità che di sicurezza. Nel confronto con win2K invece la differenza non era così evidente.
Ed è appunto guardando come gli utenti di win2K sono passati a XP che possiamo fare un confronto vero tra "grandezze omogenee"(e cercare di capire cosa succederà nell'avvicendamento Xp contro Vista). E' indubbio che la migrazione cè stata pure in questo caso, ma i tempi sono stati MOLTO più lenti. Io personalmente conosco più di un utente che è stato obbligato al passaggio solo perchè doveva cambiare il PC per un problema hardware,  win2K non era più disponibile e si trovava costretto al solito XP preinstallato
 
Questo porta al secondo pensiero: computer venduti ESCLUSIVAMENTE con windows incluso.
XP ha avuto vita facile: quasi impossibile all'epoca trovare pc di marca senza l'SO preinstallato e di rimborsi delle licenze non se ne parlava neppure.
Per Vista potrebbe non essere altrettanto semplice... non voglio dire che le cose siano molto diverse, ma qualcosa si stà muovendo: un po' l'antitrust, un po' i grandi costruttori, un po' una nuova "mentalità". Tutti questi fattori presi singolarmente forse hanno poco valore, ma la loro sinergia può rappresentare (anzi penso che rappresenti già) una bella spina nel fianco per chi propone al mercato qualcosa che non è più IMPOSTO come in passato, ma del quale è possibile, anche se a fatica, avere un'alternativa.
 
E questo porta al terzo pensiero:Linux può essere a un'autentica alternativa a Vista?
Sicuramente molto più facile da usare rispetto a 6 anni fa potrebbe invogliare varie persone a provarlo, magari su un vecchio pc, così da accorgersi dei vantaggi di questo sistema; ma al momento dell'acquisto di un computer nuovo quanti se la sentiranno di "saltare il fosso" abbandonando microsoft?
Per rispondere in modo oggettivo a questa domanda basta andare in  una scuola o in qualsiasi pubblica amministrazione per vedere che cosa viene rispettivamente insegnato e usato dal più importante educatore e datore di lavoro: lo Stato.
In conclusione penso che finchè non arriverà un "segnale dall'alto", come è successo in alcuni paesi emergenti, la storia di windows non cambierà molto però, per le 3 ragioni espresse sopra, non sarà neppure la fotocopia del passato successo di XP.
Questo è un momento di transizione che porterà, grazie anche ai nuovi subnotebook, molta visibilità a Linux: una opportunità che spero i pinguini sapranno sfruttare mettendo da parte anacronistiche logiche campanilistico-elitarie.

 
ISO
 
P.s.: Chissà che effetto farà rileggere questo articolo tra 6 o 7 anni  O_O'
 
  Totale 121444 visitatori (310231 hits) qui!  
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=